Mercoledì, 23 Marzo 2011 08:44

Il contenuto tecnologico: La domotica

Vota questo articolo
(0 Voti)

La paro la domotica comincia a entrare nel lessico quotidiano.
Domotica è un neologismo che ha origine dal francese "domotique", a sua volta contrazione della parola latina "domus" e di "inlbrmatique" e sta a significare il controllo computerizzato degli apparecchi elettronici della casa: impianto elettrico, antifurto, riscaldamento, diffusione sonora ed elettrodomestici.
Questa disciplina si occupa dell'integrazione dei dispositivi elettronici contenuti nell'abitazione e cioè di elettrodomestici e dei sistemi di comunicazione e di controllo.
La domotica affonda le sue radici negli anni '70 quando si iniziaro no a studiare e realizzare i primi progetti di interconnessione di alcuni semplici sistemi come l'impianto di illuminazione e quello di sicurezza, cominciando a ventilare all'utente la possibilità di automatizzarne alcune funzioni.

Le prime realizzazioni presentarono indubbiamente vari inconvenienti  e ciò ha contribuito a diffondere nel pubblico una certa diffidenza nei confronti di queste nuove tecnologie.
Dagli anni Settanta ai giorni nostri sono stati compiuti giganteschi progressi e l'evoluzione e i perfezionamenti apportati ai sistemi per l'automazione domestica hanno spinto le industrie ad investire capitali in questo settore e ad offrire sul mercato prodotti e soluzioni commerciali molto avanzate anche se, tutt'ora, presso il grande pubblico l'argomento domotica riscuote un modesto successo.
Molte industrie sono orientate a presentare al pubblico le nuove tec nologie non più come un sogno del futuro ma come una possibilità realmente accessibile ma, nonostante questi sforzi commerciali e di formazione/informazione degli utenti, alcuni ritengono ancora che l'avvento di queste tecnologie non sia altro che un altro passo che ci porterà verso modelli e stili di vita sempre più artificiosi.
La comparsa sulla scena e la penetrazione sempre più massiccia nel mercato di questi sistemi sta comunque diventando inevitabile e i motivi sono elementari: gli impianti e i prodotti tecnologici che si utilizzano quotidianamente sono dotati di dispositivi di controllo "intelligenti" sempre più evoluti, anche se l'utente spesso o non se ne accorge o non è in grado di sfruttarli completamente; apparecchi elettronici, dispositivi di controllo e comunicazione, i più comuni elettrodomestici ed utensili sono dotati al loro interno di uno o più microprocessori che ne gestiscono il funzionamento e, con l'applicazione di idonei software e protocolli, possono essere inseriti in una rete per il comando a distanza.
Inoltre, la diffusione di massa di Internet, oltre ad avere modificato  radicalmente alcune nostre abitudini, ha anche trasmesso negli utenti una cultura informatica di base impensabile fino a un decennio fa.

Utilizzare Internet per il lavoro o il tempo libero renderà indolore il passaggio ad un'analoga struttura all'interno delle abitazioni controllabile da un unico punto, sia da casa sia da lontano, con l'uso anche di un semplice telefono cellulare.
Molti sono decisamente contrari a questa prospettiva perché temono il verificarsi di inquietanti situazioni limitative per la privacy, rischi di intrusioni indesiderate nei dispositivi che comandano e controllano le abitazioni domotiche, alienazione ed eccessiva dipendenza dalle tecnologie.

Tuttavia questo campo di sviluppo offre innumerevoli possibilità e vantaggi:

  • la gestione automatizzata a distanza degli elettrodomestici consen
te, oltre all'implementazione di funzioni spettacolari ma di dubbia
utilità, un tangibile risparmio di energia elettrica (stimato fino al
 20-30%) e un più sicuro funzionamento degli stessi carichi. Questa
è diventata ormai una necessità a causa dell'aumento esponenziale
dei dispositivi elettrici verificatosi negli ultimi anni nelle nostre
abitazioni con il conseguente innalzamento del potenziale consu
mo di picco che si traduce in scomodi black-out, di cui tutti noi
abbiamo esperienza, provocando danni reali all'impianto;
  • l'integrazione dei sistemi di antifurto con il controllo delle luci e
dell'impianto di riscaldamento e condizionamento, porta all'otti
 mizzazione della gestione delle risorse energetiche adattando la
temperatura di ciascuna camera all'illuminazione, all'effettiva
presenza di persone al loro interno, all'orientamento ed al tipo di
attività svolta;
  • l'introduzione dei comandi vocali rappresenta, oltre che uno sfi
zio per i più pigri, un valido se non insostituibile aiuto per anzia
ni, malati e portatori di handicap da applicare nelle case private
oltre che nelle grandi strutture di ricovero aumentando l'autosuf
ficienza dei soggetti;
  • la connessione dell'impianto domestico con l'esterno tramite l'uti
lizzo di Internet consente di monitorare eventuali parametri vitali
di un degente o di una persona non autosufficiente dando la pos
sibilità di intervenire rapidamente in situazioni di emergenza. La diffusione di connessioni permanenti a basso costo stimolerà la diffusione del telelavoro, l'utilizzo di servizi multimediali e di intrattenimento per il tempo libero, favorirà Vhome hanking e re-commerce, permetterà ai cittadini di interagire con la pubblica amministrazione per il disbrigo di pratiche o la richiesta di documenti.

 

Le tecnologie attualmente a disposizione ampliano il campo di applicazione a dismisura, e, anche se per ora i costi dei sistemi di automazione domestica sono ancora piuttosto elevati, va ricordato che nel caso di formazione di nuovi impianti o di ristrutturazioni degli appartamenti, con una spesa assai contenuta, si può cablare l'abitazione o almeno pre-disporla ad un futuro cablaggio.
Per fugare molti dubbi di operatori e installatori sulla realizzazione di un impianto cablato è stata recentemente pubblicata la norma GEI "Guida per il cablaggio per telecomunicazioni e distribuzione multimediale negli edifici residenziali" a cura del Comitato Elettrotecnico Italiano.
Se invece si dispone di un impianto elettrico di concezione classica e non si prevede un rifacimento dello stesso nel breve periodo, si possono utilizzare soluzioni wireless, cioè senza cavi, o sistemi di modulazione su linea elettrica e telefonica in grado di sfruttare le preesistenti infrastrutture.

Letto 1193 volte
Simona

Amo il mobile e tutto quello che riguarda il mondo della casa, ho creato questo sito per divulgare il mio piccolo sapere e magari condividerlo con chiunque voglia.