Lunedì, 31 Maggio 2010 18:37

Cos'è, cosa fa il Conto Energia

Vota questo articolo
(1 Vota)

Un'interessante opportunità è rappresentato dal cosiddetto “Conto Energia”, che prevede l'erogazione per 20 anni di contributi per ogni kwh di energia prodotta tramite impianti fotovoltaici connessi alla rete. Tali contributi variano a seconda delle dimensioni e del grado di integrazione architettonica dell'impianto. Inoltre; in aggiunta agli incentivi in "Conto Energia", il proprietario dell'impianto beneficia di ulteriori vantaggi economici, che differiscono a seconda che scelga il regime di scambio sul posto, che prevede una compensazione tra energia prodotta e prelevata per i propri consumi, o di cessione dell'energia alla rete. Questi ricavi contribuiscono a rendere l'impianto fotovoltaico una forma di investimento ad alto rendimento e basso rischio, con valori di rendita annua fino al 20% e tempi di ritorno sull'investimento tra i 9 e i 14 anni. Oltre ai vantaggi prima ricordati del “Conto Energia”, questa tecnologia rappresenta per le imprese un importante settore dove investire in innovazione tecnologica per esplorare nuove opportunità di mercato in un contesto di sempre maggiore attenzione a tali tecnologie.

Condizioni da verificare
Disponibilità dello spazio necessario per installare i moduli: per ogni kwp (kilowatt di picco) di potenza installata occorrono circa 8/12 m2. Corretta esposizione e inclinazione della superficie installata, per ottimizzare l'irraggiamento solare. Le condizioni ottimali per il Piemonte corrispondono a un'esposizione verso Sud (oppure Sud-Est o Sud-Ovest, con limitata perdita di produzione) con inclinazione pari a 30°-35°. Assenza di ostacoli che creano ombreggiamento (edifici, alberi ecc.)

Opzioni tecniche alternative
Per l'installazione su tetti, coperture, facciate ecc. le principali soluzioni tecniche e architettoniche sono; integrazione parziale; i moduli fotovoltaici sono appoggiati alla superficie senza sostituire il materiale stesso di costruzione; integrazione totale: i moduli fotovoltaici sostituiscono il materiale da costruzione convenzionale dell'involucro dell'edificio, diventando ad esempio parte integrante della copertura o della facciata oggetto d'intervento (è la soluzione ottimale in caso di rifacimento della copertura).

Incentivi e strumenti finanziari
Gli impianti di almeno 1kw di rete godono di una remunerazione vantaggiosa dell'energia prodotta, grazie all'introduzione dell'incentivo denominato "Conto Energia". La tariffa incentivante sostituisce, ed esclude, ogni altra agevolazione finanziaria nella forma di contributi in conto capitale o interessi per la realizzazione dell'impianto, eccedenti il 20% del costo dell'investimento.

Come procedere
Installazione di un impianto fotovoltaico di potenza inferiore a 20 kw:  verifica preliminare di fattibilità attraverso sopralluogo, definizione di un progetto preliminare e presentazione di un preventivo economico ad opera di un tecnico iscritto all'albo professionale (ad esempio progettista) di una ditta installatrice specializzata;  verifica del consenso e adozione della decisione nell'ambito del condominio verifica degli strumenti e forme di finanziamento dell'investimento da parte di terzi (istituti di credito, ESCO o imprese installatrici) attraverso accordi contrattuali (riguardanti fa titolarità dell'impianto o la cessione del credito verso il GSE); verifica della eventuale sussistenza di vincoli culturali, paesaggistici, naturalistici o urbanistici all'intervento ed eventuale richiesta di autorizzazione alle autorità sovracomunali competenti (ad esempio Soprintendenza nel caso di edificio dichiarato dì interesse artistico e storico); verifica di eventuali agevolazioni comunali sulle imposte locali (ad esempio aliquota agevolata ICI);  presentazione di Denuncia di Inizio Attività (Dia) al Comune territorialmente competente; comunicazione preventiva al Comune competente nei casi di impianti aderenti o integrati nei tetti degli edifici con la stessa inclinazione e orientamento della falda e i cui componenti non modifichino la sagoma degli edifici stessi; presentazione della richiesta di connessione al gestore della rete locale di energia elettrica (ad esempio ENEL, IRIDE ecc.) con il progetto preliminare dell'impianto; a seguito della risposta (comprensiva della comunicazione del punto di allaccio alla rete, del preventivo economico e dei tempi di realizzazione)accettazione e conclusione del contratto; elaborazione del progetto esecutivo dell'impianto (ad opera di un tecnico iscritto all'albo professionale); esecuzione dei lavori di realizzazione dell'impianto; presentazione della dichiarazione di fine lavori al Comune; presentazione della comunicazione di conclusione dei lavori al gestore di rete locale; presentazione della richiesta della tariffa incentivante al GSE entro 60 giorni dalla data di entrata in esercizio dell'impianto (data coincidente con l'attivazione dell'impianto).

Attenzione a.
Corretto dimensionamento dell'impianto in funzione dei propri fabbisogni energetici, nel caso di richiesta del meccanismo dello scambio sul posto (per il saldo tra l'energiaprodotta e l'eneigia assorbita dalla rete). Infatti l'energia prodotta in eccesso (saldo tra energia consumata e prodotta) non è remunerata, ma solo portata a credito per i tre anni successivi. Obbligo di installazione di impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica in edifici dì nuova costruzione, o in edifici esistenti di superficie utile superiore a 1.000 m2 oggetto di ristrutturazione, introdotto dalla legge regionale 13/2007 sul rendimento energetico nell'edilizia.

Maggior informazioni
Ulteriori informazioni sulle procedure per accedere alle tariffe incentivanti e sulle caratteristiche degli impianti fotovoltaici sono disponibili sul sito del Gestore dei Servizi Elettrici (GSE) -www.gse.it - nella sezione “Il fotovoltaico” e in particolare nella guida al nuovo conto energia e nella guida all'integrazione fotovoltaica.

Letto 8413 volte
Simona

Amo il mobile e tutto quello che riguarda il mondo della casa, ho creato questo sito per divulgare il mio piccolo sapere e magari condividerlo con chiunque voglia.