Mercoledì, 23 Giugno 2010 09:56

Caminetto e stufa: un caldo tutto tradizionale

Vota questo articolo
(1 Vota)

Camino e stufa sono insostituibili presenze per dare a casa tua un'impronta familiare o per riscaldarla bruciando legna e pellet con le nuove tecniche di combustione. Come mezzi complementari alla caldaia o come sistemi primari (canalizzando aria o acqua calde) permettono anche di bypassare i problemi di costo e disponibilità dei combustibili fossili. Naturalmente per utilizzarli ci vuole la canna fumaria, che deve essere riservata al solo camino o alla stufa. La canna deve avere dimensioni adatte alle caratteristiche del focolare e portare in sommità un comignolo antivento e antipioggia. Materiali (acciaio o refrattario) e modalità terranno conto della temperatura elevata dei fumi prodotti dalla combustione di legna (è bene che il condotto si trovi a distanza
di sicurezza da solai e travi in legno). L'edificio o la villetta non ne sono dotati? Compatibilmente con autorizzazioni condominiali e comunali, puoi costruire la canna fumaria in muratura, addossata a una parete perimetrale, oppure adottare quella esterna d'acciaio.

Dai ossigeno alla combustione
Non dimenticare, anche per camino e stufa è d'obbligo la presa d'aria. Non tramonta infatti l'imposizione della legge 46/90 sull'obbligo di averla nel locale dove sono installati apparecchi che bruciano ossigeno, come caldaia a camera aperta, o fuochi a gas per cucinare. Non è un optional, si tratta di garantire un equilibrio di ossigeno nei locali, in modo che la combustione avvenga correttamente senza toglierci aria o senza causare ritorni di fumo ed emissione dell'invisibile gas killer, l'ossido di carbonio, che procura guai irreversibili. L'apertura deve avere una dimensione proporzionata alla potenza degli apparecchi (caldaia+scaldabagno a gas+piano di cottura), cioè 6 cmq per ogni kW, ma mai inferiore a 100 cmq. E se negli ambienti agiscono aspiratori meccanici o elettrici, nel calcolare la dimensione dovrai sommare anche la potenza dell'aspiratore. L'apertura va praticata vicino al pavimento, in zona non ostruibile da mobili e oggetti, protetta da una griglia.

Non sottovalutare il fuoco
Nessuna legge impone norme antifuoco nelle abitazioni. Le riserva solo agli ambienti pubblici. Non sono rari però i casi di incendio anche nelle case e il consiglio è quello di prevenirli almeno dove il rischio è più elevato. A partire da materassi e moquette, insidiati da sigarette abbandonate, specie se si fuma a letto o davanti alla Tv, per proseguire con le tende, che si possono incendiare se addossate a una lampada o a qualsiasi altra fonte di calore, ai rivestimenti di divani e poltrone. L'A I.T.A. ti informa che anche per la casa trovi tessuti e materassi classificati secondo la resistenza che oppongono alla fiamma, da scegliere secondo il grado di rischio cui sono esposti. Altri sono i componenti che tutelano la casa dall'incendio, e un ruolo l'hanno anche pareti e soffitti. In una ristrutturazione o nuova costruzione, per l'isolamento termoacustico preferisci pannelli antifuoco, mentre le eventuali travi a vista in mansarda andrebbero trattate con vernice ignifuga trasparente.

Ci sono poi le porte tagliafuoco, utili soprattutto nel caso che il garage comunichi direttamente con l'abitazione. Anche l'impianto elettrico può causare incendio per via di cortocircuiti, ma se è a norma le probabilità si riducono drasticamente. Un'altra causa d'incendio è lo strato di fuliggine altamente infiammabile, accumulato nella canna fumaria di camino e stufa: fondamentale la pulizia periodica. Anche in casa, come negli edifici pubblici, ci sta bene un estintore; tieni in cucina, sotto il lavello, un modello per piccoli incendi, mentre in ingresso sarà utile un estintore più capace. Devi però verificare che sia sempre efficiente, e per questo ogni apparecchio va revisionato ogni sei mesi. Segui sempre le modalità d'uso, che trovi stampate sull'estintore stesso.

Letto 1906 volte
Simona

Amo il mobile e tutto quello che riguarda il mondo della casa, ho creato questo sito per divulgare il mio piccolo sapere e magari condividerlo con chiunque voglia.