Domenica, 18 Luglio 2010 09:36

Casa insonorizzata: fuori rimangono i rumori

Vota questo articolo
(1 Vota)

Primo piano su materiali e sistemi che non fanno entrare freddo, caldo e rumore. Così la casa è energeticamente più efficiente e confortevole. E si risparmia. I vetri delle finestre sono un elemento fondamentale per il controllo del caldo e del freddo. Soprattutto oggi perché se da una parte l'estetica architettonica tende a prediligere aperture panoramiche, dall'altra le nuove disposizioni di legge obbligano a realizzare edifici che complessivamente abbattano almeno il 20% delle dispersioni termiche medie riscontrate finora. Per fare la scelta giusta, Saint Gobain propone due nuove vetrate. “SGG Planitherm Ultra N”, vetro basso-emissivo finalizzato alla massima difesa dal freddo, che riduce al minimo le dispersioni di calore. Per difendersi sia dal freddo che dal caldo estivo invece c'è “SGG Planistar”, un vetro selettivo che blocca l'ingresso dei raggi solari e mantiene il comfort interno dei locali. Per proteggersi dall'abbagliamento del sole, e soprattutto per offrire un primo filtro termico contro il surriscaldamento dei locali e ridurre i consumi per il condizionamento, si può ricorrere alle schermature esterne. Un esempio è dato dal sistema frangisole “Schuco SunControl”, costituito da lamelle orientabili, totalmente in alluminio, da montare su telai scorrevoli, a uno o due binari, da far slittare davanti alle finestre. I pannelli con le lamelle possono essere realizzati in vari modi come richiede il singolo progetto della facciata le lamelle hanno uno spessore ridotto, sono leggere e maneggevoli e possono avere varie possibilità cromatiche, Prodotte da Schuco International Italia. Isolkenaf è un feltro realizzato con fibre intrecciate di kenaf, una fibra vegetale della famiglia del cotone poi compattato con una minima parte di fibre in poliestere.

Il vantaggio è la sua innocuità naturale e il fatto di non rilasciare polveri o fibre che possono essere fastidiose in fase di posa. Non contiene proteine che attirano insetti o roditori, o che rendono necessari ulteriori trattamenti protettivi. La sua consistenza gli conferisce un alto potere isolante sia termico che acustico. Può essere impiegato sia in intercapedine o come sotto pavimento per abbattere i rumori del calpestio. È disponibile in vari spessori: più la massa aumenta più aumenta l'efficacia fonoassorbente. Prodotto da K.E.F.I. Per realizzare una muratura portante isolante si possono usare blocchi semipieni della serie “Poroton 800” in laterizio porizzato, cioè dotato di tante microporosità ottenute già in fase di cottura, che aumentano la capacità coibente del materiale stesso. Per ottenere la massima prestazione meccanica e isolante è importante la precisione della sigillatura con la malta dei giunti verticali e orizzontali. La parete così ottenuta, con una profondità totale di cm 38 più l'intonaco, ha caratteristiche di resistenza termica rispondente ai requisiti di legge oggi vigente per il risparmio energetico e contemporaneamente ha un ottimo potere fonoassorbente. I blocchi “Poroton 800” sono prodotti dalle aziende associate al Consorzio Poroton Italia. Anche il portone d'ingresso è un elemento importante dell'involucro della casa. Deve resistere ai tentativi di effrazione ed evitare le dispersioni di calore, sia che affacci su un vano scala in genere piuttosto freddo sia che sì trovi esposto proprio all'esterno.

I portoncini in alluminio di Finstral sono studiati proprio per questo. Sono costituiti da un pannello di mm 30 a taglio termico rivestito sia all'esterno che all'interno da una lamiera di alluminio dì mm 3, assicurando un alto grado di isolamento termico, acustico e di sicurezza. I pannelli possono avere vari disegni, inserti con materiali diversi, parti vetrate che comunque non ne abbassano il valore coibente come nei modelli della linea “Smart” e “Galant”. La prima protezione della casa è il tetto. Deve riparare dalle intemperie, dalle infiltrazioni d'acqua, isolare dal caldo e dal freddo. “Isotec”, prodotto da Brianza Plastica, è un sistema isolante sottotegola composto da pannelli a incastro in poliuretano rivestiti superiormente da una lamina di alluminio che li rende impermeabili. Sono resi portanti da un correntino metallico forato fissato direttamente su di essi al quale viene agganciata la tegola e che permette lo scorrimento di eventuali infiltrazioni verso la gronda, creando al contempo un'utile microventilazione sottotegola. Ideale sia per tetti ex novo che per ricostruzioni, come nei recuperi di sottotetto in cui l'isolamento è basilare per il clima dei locali sottostanti. Un classico isolante sia termico che acustico è il sughero. Naturale, innocuo, inalterabile, imputrescibile, non attira insetti e roditori, poiché epurato da scorie appetibili per loro. È traspirante e regola l'umidità degli ambienti, “Suberit Battentato”, per esempio, è ideale per isolamenti in intercapedine, sottotetti, cappotti esterni e interni. La finitura "a battente" del bordo del pannello permette un incastro che evita i ponti termici. Contro il rumore, è comodo “Rollcork”, sughero flessibile da mm 3 supercompresso per l'isolamento sottopavimento e/o delle pareti interne. Può rimanere a vista, essere intonacato e verniciato con normali idropitture o rivestito con carta da parati. Un altro punto debole della casa è proprio il cassonetto delle tapparelle. Da qui, oltre che gelidi spifferi, passano i fastidiosi rumori dell'esterno.

Nel “Miniblocco” di Finstral il cassonetto, congegnato per risolvere questi problemi, è realizzato tutto con profili in Pvc estrusi in modo da realizzare una camera d'aria interna che aumenta le doti già molto isolanti del materiale plastico. Un'ulteriore coibentazione interna in styrodur, polistirene espanso, sul lato del cassonetto che si affaccia all'interno del locale crea una barriera al freddo e al rumore. Per accedere al rullo dell'avvolgibile basta smontare il coperchio frontale. È disponibile nei vari colori della gamma delle finestre. È modulare il sistema radiante “Climi messo a punto da Patt, che unisce in un unico elemento la funzione di climatizzazione, isolamento acustico e rivestimento. Ogni elemento, cm 60x60 e cm 60x120, si compone di una piastra in alluminio, che funge da scambiatore di calore in cui circola un fluido termovettore, e di un pannello estetico fonoisolante, uniti mediante termogiunzione. I moduli, collegati a una pompa di calore esterna che attiva sia il riscaldamento che il raffrescamento, trasmettono la temperatura scelta per irraggiamento garantendo così una gradevole uniformità termica, pochissimo movimento delle polveri e un risparmio sui consumi di circa il 400/o, poiché l'impianto lavora per avere piccole variazioni di temperatura.

Tiene fuori veramente tutto la finestra ad alta prestazione “New Dual” prodotta da SPI, che ha raggiunto certificazioni di classe massima, o quasi, per le prove alla permeabilità all'aria, all'acqua e al vento. È un serramento in alluminio e legno, sul quale sono montate ferramenta a nastro di alta qualità che garantiscono un alto potere isolante. La vetrocamera basso-emissiva, prevista nei due spessori da mm 23 o 30, eleva il livello di comfort ambientale dovuto alla resistenza al freddo data dal vetro. È anche antieffrazione se si monta la maniglia a martellina “Secustik”. È possibile realizzare sistemi a battente porte-finestre, scorriti vasistas, e forme curve, in varie essenze per l'interno e in più colori per l'esterno.

Letto 4362 volte
Simona

Amo il mobile e tutto quello che riguarda il mondo della casa, ho creato questo sito per divulgare il mio piccolo sapere e magari condividerlo con chiunque voglia.