Sabato, 15 Gennaio 2011 09:20

Il colore in casa

Vota questo articolo
(0 Voti)
II colore è generato dalla luce. Grazie alla luce che raccoglie, l'oc­ chio umano non solo è in grado di percepire l'esistenza degli oggetti e le loro relazioni spaziali, ma riceve anche uno stimolo che genera la sensazione del colore e che dipende dalla lunghezza d'onda della luce emessa o riflessa dalle superfici degli oggetti. La visione del colore è legata a fattori fisiologici e psicologici molto complessi che si sovrap­pongono in maniera determinante a fattori tisici.

Lo stretto legame tra lunghezza d'onda della luce e sensazione  cromatica fa sì che il termine colore venga usato normalmente come se costituisse un attributo intrinseco dello stimolo, anziché una sensa­zione.

Poiché le superfici degli oggetti che ci circondano alterano in varia misura la qualità dei fasci luminosi che riflettono, essi appaiono all'os­servatore di diverse colorazioni. Nel linguaggio comune il termine co­lore viene usato per indicare un attributo della materia o delle sostanze coloranti, dette più propriamente pigmenti, specificatamente usate per alterare la qualità dei fasci luminosi.

La luce visibile è costituita da radiazioni elettromagnetiche di lun­ghezza d'onda compresa fra 4000 e 7600 angstrom circa e ad ogni lun­ghezza d'onda corrisponde la sensazione di un determinato colore, cioè i 7 colori dell'arcobaleno: rosso, arancio, giallo, verde, blu, indaco e violetto. Le onde prima e dopo lo spettro cromatico o solare, che non sono visibili ad occhio nudo, sono gli infrarossi e gli ultravioletti.

Considerando la possibilità di ottenere varie combinazioni utilizzan­ do pigmenti o coloranti, si possono denominare colori primari quelli che non possono essere ottenuti da combinazioni di altri colori: il gial­lo, il rosso magenta e il blu, mentre i colori secondari sono quelli otte­nuti combinando i colori primari e sono: il verde (giallo + blu), il viola (rosso + blu) e l'arancio (magenta + giallo).

Esistono anche i colori terziari che sono ottenuti mescolando i colori primari a quelli secondari e sono: blu/viola (blu + viola), viola/rosso (vi­ola + magenta), rosso/arancio (magenta + arancio), giallo/arancio (giallo + arancio), giallo/verde (giallo + verde) e verde/blu (verde + blu).

Letto 1192 volte
Simona

Amo il mobile e tutto quello che riguarda il mondo della casa, ho creato questo sito per divulgare il mio piccolo sapere e magari condividerlo con chiunque voglia.