Martedì, 13 Settembre 2011 08:42

Come ristrutturare la casa: dove trovare i soldi

Vota questo articolo
(1 Vota)

Credito a breve termine
Spendere denaro mediante carte di credito, pagamenti rateali o altre forme di programmi di credito (inclusi gli scoperti di conto) può essere molto allettante. Tuttavia, come molti sanno, questi debiti sono poi difficili da estinguere. Il credito a breve termine è uno dei modi più costosi di prendere denaro in prestito: il prezzo reale di ciò che si compra è maggiorato dell'interesse da pagare mensilmente per il prestito. Se si decide comunque di comprare a credito, bisogna valutare le diverse opzioni e paragonare i tassi di interesse: uno scoperto di conto, per esempio, può essere più conveniente di un programma di credito del punto-vendita.

Prestiti
Per migliorie o ristrutturazioni più ampie, è il caso di valutare la richiesta di un prestito a una banca o a una società di credito edilizio. I prestiti si ripagano a un tasso fisso di interesse su un determinato periodo di tempo. Anche in questo caso l'intero costo dell'intervento equivarrà al totale degli interessi da pagare più la somma presa in prestito. Se si contrae un prestito personale, la cifra limite sarà determinata dal proprio reddito. Gli istituti finanziari, in genere, sono disposti a erogare somme più ingenti sotto forma di prestiti ipotecali su ogni proprietà posseduta. I prestiti ipotecali, comunque, possono essere rischiosi per le proprietà se si è impossibilitati a far fronte ai pagamenti e possono essere più costosi, nel tempo, rispetto alla possibilità di rinegoziare un mutuo.

Mutui
Data la varietà presente sul mercato rispetto a tassi e condizioni, è importante valutare le diverse forme di mutuo e chiedere il consiglio di esperti. Alcuni istituti offrono mutui con tassi agevolati per un periodo fisso da due a cinque anni, o tassi fissi sul termine del mutuo e prodotti standard a tasso variabile. Nuovi tipi di mutui flessibili permettono al mutuatario di sospendere i pagamenti per un periodo massimo di sei mesi, o effettuare pagamenti con somme forfettarie. Le due possibilità risultano più economiche, a lungo termine, dei mutui standard e sono ideali per i lavoratori autonomi o per chi ha entrate variabili. Anche i conti correnti per il mutuo, in cui il conto corrente, il conto a risparmio e il mutuo costituiscono un unico prodotto, sono flessibili e vantaggiosi. Se per acquistare la casa si è acceso un mutuo e la differenza tra quanto ancora da rimborsare e il valore attuale della casa lo permette, si potrà rinegoziare il mutuo per la ristrutturazione.

Letto 20567 volte
Simona

Amo il mobile e tutto quello che riguarda il mondo della casa, ho creato questo sito per divulgare il mio piccolo sapere e magari condividerlo con chiunque voglia.